Invia la tua domanda

Orchidee

Domande frequenti sulle orchidee: curiosità, coltivazione, nomenclatura...

Cosa fare quando le foglie sono morbide e la pianta è in cattive condizioni?
Visite: 2140
Scritto da: Amministratrice

Cosa fare quando le foglie sono morbide e la pianta è in cattive condizioni?

Se la pianta è disidratata, dare acqua il più presto possibile. Tuttavia, se viceversa hai innaffiato troppo in passato le radici sono marcite. La pianta al di sopra del suolo ironicamente non ha ricevuto acqua nè nutrimento. In questo caso, a volte è possibile salvare la pianta trasferendo in un substrato fresco la tuia orchidea rimuovendo il vecchio substrato umido e tutte le radici marce. Con un po' di fortuna, la tua orchidea emetterà nuove radici. Si dovrebbe evitare di utilizzare concimi nel primo mese dopo che la pianta è stata trasferita.

Le nuove radici crescono fuori dal vaso, come posso risolvere questo problema?
Visite: 3818
Scritto da: Amministratrice

Le nuove radici crescono fuori dal vaso, come posso risolvere questo problema?

E 'inutile cercare di impedire alle radici di crescere senza il vaso, in quanto questa è una delle caratteristiche di orchidee. Le radici delle orchidee non crescono verso il basso, secondo il principio di geotropismo, ma piuttosto vagano in tutte le direzioni per trovare un substrato umido e sostanze nutritive. Non vanno tagliate. Se la maggior parte delle radici crescono fuori dal vaso, si dovrebbe pensare a rinvasare la pianta in un nuovo vaso leggermente più grande.

Perchè la mia orchidea cresce così lenta?
Visite: 2028
Scritto da: Amministratrice

Perchè la mia orchidea cresce così lenta?

Se non avete molta esperienza sulla crescita delle orchidee, il loro basso tasso di crescita potrebbe sorprendervi. Le orchidee crescono più lentamente di altre piante perché hanno un basso tasso di metabolismo - un adattamento che permette loro di crescere in aree con bassi livelli di nutrienti, acqua, e luce solare. Anche se le orchidee crescono più lentamente rispetto alle altre piante, dovrebbero nella maggioranza dei casi crescere costantemente (anche se molte orchidee rallentano o fermano la crescita durante l'inverno). Se la tua orchidea non sembra essere in crescita, considera se perfezionare le tue tecniche colturali. Insolita crescita lenta o stentata è solitamente il risultato del fatto che la pianta non ottiene abbastanza nutrienti, acqua o luce del sole oppure ha problemi di salute come danni alle radici o infestazioni di insetti.

Le orchidee sono dei parassiti?
Visite: 1020
Scritto da: Amministratrice

Le orchidee sono dei parassiti?

Nonostante il mito diffuso, le orchidee NON sono parassiti e NON danneggiano l'impianto dove vengono coltivate come epifite. Le radici delle orchidee semplicemente si collegano ai tronchi o ai rami d'albero su cui crescono.Le orchidee che crescono sul terreno (geofite, note anche come orchidee terrestri) sono strettamente collegate a funghi con cui vivono in simbiosi (aiutano la pianta matura nell'assorbimento delle sostanze nutritive - nella coltivazione, forniamo alle piante sostanze nutrienti attraverso l'uso di fertilizzanti, così non poniamoci problemi!). Le orchidee pertanto non sono proprio per nulla piante parassite.

Quando fioriscono le orchidee?
Visite: 3170
Scritto da: Amministratrice

Quando fioriscono le orchidee?

Un certo numero di orchidee hanno specifici periodi di fioritura, stimolati dal clima. Se le condizioni climatiche adatte non sono fornite, un'orchidea non svilupperà i germogli e i fiori successivi. Tale gruppo sono Dendrobium, Cymbidium, Phayus, Cycnoches e ancora altre specie e generi. A differenza di queste orchidee, non vi è un altrettanto grande di un gruppo di orchidee che non hanno particolari periodi di fioritura e sviluppano i fiori in determinate condizioni di temperatura solo quando le piante sono abbastanza forti e quindi in grado di sostenere l'energia per sviluppare fiori. Questo gruppo include Phalaenopsis, Paphiopedilum, un certo numero di Masdevalia e altre.

Quanto dura la fioritura di un'orchidea?
Visite: 5337
Scritto da: Amministratrice

Quanto dura la fioritura di un'orchidea?

Il genere Phalaenopsis, le orchidee più ampiamente diffuse, può fiorire per oltre un anno al meglio delle condizioni di coltivazione. Tuttavia, la maggior parte delle orchidee non fiorisce così a lungo, il periodo medio di fioritura è tra 14 giorni (Miltonia e Cattleya) e un mese (Cymbidium, Paphiopedilum, Oncidium). La fioritura della vaniglia e quella del genere Stanhopea dura solo un giorno o due prima di appassire molto rapidamente.

Per quanto tempo dura il singolo fiore di un'orchidea sulla pianta?
Visite: 4646
Scritto da: Amministratrice

Per quanto tempo dura il singolo fiore di un'orchidea sulla pianta?

Il singolo fiore su una Phalaenopsis e una Paphiopedilum può rimanere in buone condizioni per più di quattro settimane, mentre i fiori di Cattleya hanno una durata più breve e perdono vitalità dopo 10/14 giorni. Con l'età, un certo numero di orchidee cambiano il colore dei fiori fino a virare al giallo e poi cadere. Questo gruppo comprende una serie di orchidee del genere Vanda (Vanda coerulea e suoi ibridi), nonché Zygopetalum, Cymbidium e altri.

Perché la mia orchidea non fiorisce?
Visite: 3039
Scritto da: Amministratrice

Perché la mia orchidea non fiorisce?

La fioritura è una fase (fase generativa) nella crescita delle piante, che è direttamente collegata alla crescita delle parti verdi della pianta (fase vegetativa). Alcune orchidee sviluppano fiori una volta che la fase di vegetazione è terminata, mentre altre sono in fiore prima di questa fase. Uno sguardo approfondito al ciclo di crescita dei singoli generi di orchidee è la chiave per lo sviluppo riuscito di peduncoli e germogli. Grazie alla vastità e alla versatilità nella famiglia Orchidaceae è impossibile creare un elenco chiaro dei cicli di crescita e di formule per stimolare la crescita dei fiori, quindi ecco una breve lista di "trucchi" per alcune delle orchidee più coltivate :

  • Phalaenopsis - se una pianta ha foglie, forti e sane sarà stimolata a fiorire quando trasferita in un luogo più freddo. La differenza di temperatura deve essere di almeno 5 ˚ C.
  • Cymbidium/Dendrobium - d'estate la pianta andrebbe trasportata all'esterno perchè ha bisogno di sufficiente sole (tanto da non bruciare le foglie) per sviluppare gli pseudobulbi; in autunno le piante hanno bisogno di essere esposte a basse temperature (circa 7 ˚ C) fino allo scoppio della prima gemma, altrimenti la pianta non sviluppa steli di fiori, di conseguenza saltando la sua fase generativa.
  • Paphiopedilum - le piante hanno bisogno di essere esposte ad una temperatura compresa tra 10-13 ˚ C in autunno, per avviare la formazione del peduncolo marmorizzato dei fiori.
  • Odontoglossum - queste orchidee «d'alta quota» fioriscono a temperature fresche che devono prevalere per la maggior parte dell'anno (tra i 15 e i 22 °C). In autunno lasciamo fuori la pianta finchè la temperatura notturna comincia ad avvicinarsi ai 10 ° C.

Approfondimeto: Miltonia

Come prendersi cura della pianta che ha finito la fioritura?
Visite: 3593
Scritto da: Amministratrice

Come prendersi cura della pianta che ha finito la fioritura?

Nella maggior parte delle orchidee, il peduncolo si secca dopo il periodo di fioritura, mentre in alcuni generi (Phalaenopsis) e specie (Masdevalia infracta etc) crescono su questo i rami nuovi dei fiori che si svilupperanno nel tempo. Se non siete sicuri di cosa fare, lasciate intatto il gambo dei fiori fino a che secca completamente, il che è un chiaro segno che non rifiorirà. È possibile tagliarlo allora e attendere che si formi un peduncolo nuovo tra le foglie, quando la pianta è abbastanza forte.

Quanta luce richiede la mia orchidea?
Visite: 2527
Scritto da: Amministratrice

Quanta luce richiede la mia orchidea?

5000 lux - minima quantità di luce richiesto dalla orchidee più tolleranti: Phalaenopsis e Paphiopedilum.
10.000 Lux - minima quantità di luce necessaria a Cattleya, Dendrobium, Miltonia e Oncidium
15.000 lux - minima quantità di luce necessaria a Vanda, Ascocenda e tipi simili.

Di che tipo di substrato ha bisogno la mia orchidea?
Visite: 1344
Scritto da: Amministratrice

Di che tipo di substrato ha bisogno la mia orchidea?

Orchidee diverse richiedono diversi substrati in cui prosperare. Le Orchidee che crescono nella terra, in un clima moderato cresceranno in normale terreno (Bletilla), mentre le orchidee terrestri provenienti da zone tropicali (alcune specie del genere Cymbidium e Paphiopedilum) richiedono substrato molto poroso e ricco. Le giovani piante richiedono poi un substrato più sottile di quello di piante adulte. Chiaramente, non c'è substrato universalmente applicabile che soddisfi le esigenze di tutte le orchidee.

Muschio di torba (chiamato anche Sfagno- in commercio si trova facilmente lo sfagno secco per bonsai): le sue caratteristiche sono l'assorbimento di acqua e una buona aerazione. Phragmipediums vivono meglio in un substrato composto esclusivamente di sfagno, ma, per la maggior parte delle orchidee, questo è mescolato con corteccia d'albero, che non trattiene l'acqua molto bene.

rk stracciato (corteccia più o meno fine): l'ingrediente di base contenuto nella maggior parte dei substrati necessario per la crescita di orchidee. La miglior corteccia è quella di pino Douglas (substrato che troviamo in commercio per i terrari). In diverse pezzature: da finemente triturata (particelle fino a 25 mm di dimensioni), di medie dimensioni (fino a 40 mm), e grossa (oltre 40 mm). Per le orchidee più grandi (alcune specie di Cattleya, Angraecums ecc) e per quelle che richiedono una buona aerazione delle radici (Vanda e suoi ibridi), i produttori utilizzano un mix di corteccia media e grossa. E 'essenziale che la corteccia per orchidee venga immersa in acqua per un po' e poi lavata per liberla dai tannini e dalle particelle di polveri sottili.

Torba e fibra di cocco: a differenza della corteccia, sono capaci di trattenere acqua; possono essere miscelati alla corteccia.

Carbone: non assorbe molta acqua e, allo stesso modo del bark triturato, aiuta ad areare il substrato.

La miscelazione diversi tipi di substrato: una miscela di corteccia in particelle fini o di medie dimensioni (a seconda della dimensione orchidee) e di sfagno in un rapporto 4:1 è consigliato per la maggior parte orchidee. Per Cymbidium, Paphiopedilum, Zygopetalum e Ludisia, si consiglia di aggiungere una parte aggiuntiva di torba o fibra di cocco grezzo. Se si dispone di carbone di legna di avanzo dalla stufa, utilizzarlo come aggrada. Grossi pezzi di corteccia o pietre di piccole dimensioni sul fondo dove si decompone il substrato servono per favorire il drenaggio ed evitare il ristagno d'acqua. Masdevalia e Miltonia richiedono un rapporto di 2:1 di brandelli di corteccia e di sfagno. Vanda, Ascocentrums, Arachnis richiedono solo pezzi di corteccia.

Foto © Dick Schmitt

Cosa fare quando compaiono macchie nere sulle foglie?
Visite: 1224
Scritto da: Amministratrice

Cosa fare quando compaiono macchie nere sulle foglie?

Nella maggior parte dei casi, spot neri sono la conseguenza di una infezione da funghi (Fusarium, Botrytis) o batteri (Erwinia, Pseudomonas).

E 'difficile capire la differenza tra queste due infezioni, tuttavia, le piante colpite devono essere isolate.

I funghi sono trattati con fungicidi (il biofunghicida Mycostop = Streptomyces griseoviridis, con fungo uccidi fungo :) ), mentre le piante colpite dai batteri hanno bisogno di essere gettate via in quanto il trattamento di tali infezioni con battericidi è spesso inefficace.

Tuttavia, questi spot non devono essere confusi con le macchie che si sviluppano come conseguenza del naturale processo di invecchiamento e morte delle foglie vecchie. Questo è normale ed inevitabile.

Cosa fare quando macchie nere appaiono sui fiori?
Visite: 796
Scritto da: Amministratrice

Cosa fare quando macchie nere appaiono sui fiori?

Il tessuto delicato di fiori è un facile bersaglio per i funghi della Botrytis, che causano macchie nere su petali. L'uso di fungicidi è inutile dal momento che, in tal caso, i fiori rimarranno permanentemente danneggiati. Questo problema può essere facilmente evitato se i fiori non vengono nebulizzati. Si dovrebbe evitare comunque un elevato livello di umidità dell'aria in combinazione con una bassa temperatura in qualsiasi momento della giornata.

Perché un'orchidea perde le sue gemme da fiore?
Visite: 2444
Scritto da: Amministratrice

Perché un'orchidea perde le sue gemme da fiore?

I boccioli sono le parti più delicate della pianta e sono le prime a mostrare le conseguenze delle cure inadeguate di clima, l'esposizione o parassiti. I seguenti motivi sono tra i più frequenti:

1. Acqua - irrigazione insufficiente o troppo intensa
2. Nebulizzazione - il tessuto molle e umido dei germogli è un facile bersaglio per i funghi
3. Temperatura - nella maggior parte dei casi l'inadeguata temperatura provoca la caduta delle gemme. Le Phalaenopsis perdono i boccioli ad una temperatura inferiore ai 16 ˚ C, i Cymbidium ad una temperatura superiore a 25 ˚ C. E' bene conoscere le esigenze individuali e seguirle il più strettamente possibile, chiedi aiuto al nostro forum di giardinaggio.
4. Umidità dell'aria - Se l'umidità dell'aria è troppo bassa i germogli inizieranno a seccarsi e poi a cadere.
5. Qualità dell'aria - Le orchidee sono sensibili allo smog, al fumo di tabacco e ai gas emanati dalla frutta matura.
6. Luce - troppa luce può bruciare le gemme delicate, ma se una pianta, d'altro canto, non riceve abbastanza luce probabilmente non sarà in grado di assimilare una quantità sufficiente di cibo per nutrire i suoi germogli e sacrificherà alcuni di loro per garantire la sopravvivenza di tutto il resto.
7. Prodotti chimici - fertilizzanti in eccesso o pesticidi provocano la caduta dei fiori o il loro danneggiamento.
8. Parassiti - i parassiti più comuni sono i tripidi e pidocchi, che succhiano la linfa, causando deformazioni o cadute dalla pianta.

Foto © Mike Cohen mike3k

Quali orchidee sono le più facili da coltivare?
Visite: 1566
Scritto da: Amministratrice

Quali orchidee sono le più facili da coltivare?

Le orchidee Phalaenopsis sono le più facili da crescere nella maggior parte delle case. Questo tipo di ibrido è relativamente insensibile alle variazioni di temperatura tra 16 e 32 ˚ C. Sono inoltre ben adattati ad un abbassamento del livello di umidità dell'aria e la mancanza di luce. Anche le Paphilopedilum sono tra i più semplici da coltivare. Cymbidium, Dendrobium, Cattleya, Miltonia e Odontoglossum sono leggermente più impegnative per la coltivazione in casa. Le Vanda sono piuttosto delicate e richiedono livelli di alta umidità per crescere e sviluppare i fiori.

Le orchidee profumano?
Visite: 1284
Scritto da: Amministratrice

Le orchidee profumano?

La maggior parte delle orchidee non hanno odore in quanto gli impollinatori sono attratti in altri modi dalla pianta, come il colore e la forma dei fiori, il nettare, ecc. Nonostante questo, ci sono generi di orchidea come Zygopetalum e Strahnopea, e specie come Oncidium fuscatum, Cattleya iricolor e ibridi (Oncidium "Pupukea sunset"), che hanno aromi profumati. Ci sono anche alcune specie profumate del genere Phalaenopsis (P.violacea, P. bellina, P. venosa), che sul mercato sono definite incroci o ibridi.

Possono crescere orchidee all'esterno In Italia?
Visite: 1107
Scritto da: Amministratrice

Possono crescere orchidee all'esterno In Italia?

Per ulteriori informazioni sulle orchidee in Italia, si prega di fare riferimento al libro eccellente «Orchidee d'Italia" edizioni Il castello. Le orchidee selvatiche in Italia comprendono 29 generi e 189 tra specie e sottospecie (wikipedia): sono ovviamente protette e non prelevabili.

Orchidee selvatiche terrestri - Foto © Philip Halling

Nei nostri giardini possiamo coltivare la rustica Bletilla striata: è la migliore specie (ce ne sono altre di orchidee rustiche, ma non facilmente reperibili in Italia) per cominciare, perché è facile da coltivare (e ci sarebbero molte cultivar da scegliere, con fiori di molte tonalità dal bianco al rosa al viola all'azzurro, con spruzzate di giallo, o con le foglie variegate, anche queste però difficili da trovare; in Italia si trovano facilmente la «Alba» e la Bletilla striata hyacinthina, rosa carminio).

Bletille di vari colori

Come funziona la nomenclatura?
Visite: 635
Scritto da: Amministratrice

Come funziona la nomenclatura?

La famiglia è Orchidaceae.
La famiglia si suddivide in generi diversi.
Ogni genere è un gruppo di piante geneticamente simili. Un gruppo di generi simili sono spesso definiti come un'alleanza. Gli esempi potrebbero includere l'alleanza Oncidium, l'alleanza Cattleya, e l'alleanza Phalaenopsis.


All'interno di un genere, si trovano un qualsiasi numero di specie. A seconda del genere, ci possono essere centinaia di piante di specie. (Il genere Dendrobium. vanta oltre 1600 specie!)
All'interno di una data specie, ci possono essere variazioni/varietà (di solito di colorazione), che sono ancora considerate parte di tale specie.

Esempio: Cattleya walkeriana è una specie di Cattleya; Catt. walkeriana [ fiore rosa / viola], Catt. walkeriana var. 'Alba' [ bianca], Catt. walkeriana var. 'Semi-alba', [con labbro colorato] e Catt. walkeriana var. 'Coerulea' [sfumata azzurra].


Gli ibridi sono creati dall'uomo. Non si verificano in genere in natura. In genere il nome dell'ibrido è in maiuscolo, ed è un nome proprio.

Esempio: Phalaenopsis 'Doris'.

Questo ci dice che non è una specie (anche il termine GREX indica l'identità ibrida), come invece lo sono ad esempio Phalaenopsis amabilis, Phalaenopsis schilleriana o Phalaenopsis stuartiana.


Un ibrido è quindi un incrocio di due diverse specie di orchidee.

Esempio: Vanda coerulea x Vanda sanderiana = Vanda x rotschildiana.

Il nuovo gruppo di orchideee è un ibrido di Vanda. La Royal Horticultural Society in Inghilterra mantiene un record di un elenco completo degli ibridi registrati. Ci sono più di 125.000 ibridi diversi registrati come incroci di orchidee. Il nome di generi e specie è sempre scritto in corsivo, il genere con la prima lettera in maiuscolo (Vanda) e segue la specie con la prima lettera minuscola (coerulea): Vanda coerulea.

Paphiopedilum Pinocchio - Foto © NjuTIKA

Come funzionano le radici della mia orchidea?
Visite: 2379
Scritto da: Amministratrice

Come funzionano le radici della mia orchidea?

Le radici delle orchidee svolgono la stessa funzione delle radici in altre piante. Assorbono l'acqua e sostanze nutritive dal substrato su cui crescono. Le radici di alcuni tipi di orchidee sono in grado di svolgere la fotosintesi, una rarità tra le piante. Ci sono pochi generi di orchidee per cui questa funzione viene eseguita esclusivamente dalle radici (Dendrophylax, Microcoelia, Polyradicon ecc). Queste orchidee sono leggermente più delicate da coltivare in quanto devono essere cresciute su corteccia d'albero dove le radici rimangono esposte alla luce naturale. Probabilmente non è necessario sottolineare che questo porta le radici ad asciugarsi più facilmente, per questo devono essere nebulizzate più volte nell'arco della giornata. Phalaenopsis è tra le orchidee più note le cui radici sono in grado di svolgere la fotosintesi. Naturalmente le orchidee Phalaenopsis hanno foglie, quindi le loro radici servono solo come generatori supplementari di zucchero. Se le orchidee Phalaenopsis sono coltivate in vasi trasparenti saranno in grado di effettuare fotosintesi attraverso le radici; mettendole in vasi decorativi invece le radici non influenzaranno la crescita e lo sviluppo della nostra orchidea.

Le radici delle orchidee funzionano però in modo più complesso delle radici di altre piante. Durante tutto il processo di evoluzione si sono adattate a condizioni di vita difficili: nonostante le precipitazioni regolari e l'abbondanza di materiale organico in decomposizione, il loro ambiente di vita è abbastanza povero di acqua e le sostanze nutritive sono lavate via molto velocemente dalla struttura in cui vivono. Le piante sostituiscono questa carenza in molti modi (ad esempio foglie carnose, pesudobulbi). Uno dei modi di adattarsi a condizioni di vita è il fatto che solo le punte delle radici estraggono l'umidità e le sostanze nutritive, mentre il resto della superficie non è attiva per ottenere queste sostanze vitali. L'irrigazione e la nebulizzazione, anche se non penetreranno il velamen (la «pelle» delle radici) delle radici, comunque, serviranno a proteggere la pianta dalla disidratazione e dallo stress idrico. Oltre alla funzione protettiva, il velamen svolge un compito importante. Grazie alla sua specifica struttura agisce nello scambio di gas. Se la tua orchidea è immersa in acqua non respira, per questo marcirà in fretta. Le punte delle radici assorbono circa 1 - 2,5 ml di acqua al giorno attraverso il processo di osmosi.

Le punte delle radici sono molto sensibili al danno fisico e smetteranno di crescere al minimo trauma. E 'consigliabile evitare, per quanto possibile, il contatto fisico con loro ed essere estremamente attenti quando si trapiantano. Per le orchidee che hanno bisogno di riposo, le radici sono un ottimo indicatore dell'attività dell'orchidea; quando un'orchidea entra in riposo vegetativo le punte di solito verdi saranno coperte da uno strato di velamen grigio.

Il tipo di fotosintesi delle orchidee è tecnicamente chiamato CAM; 'lavorano' anche durante la notte, visto che la sintesi di zucchero è in corso anche quando non ricevono la luce, pertanto, al contrario di quello che si sente dire spesso, non c'è niente di sbagliato nell'irrigare le orchidee la sera, anche se si deve stare attenti a non versare acqua sulle sue foglie e sui fiori.

Foto © Camelia TWU

Quante volte e come bisogna annaffiare un'orchidea?
Visite: 2501
Scritto da: Amministratrice

Quante volte e come bisogna annaffiare un'orchidea?

Un’irrigazione errata è la prima causa di morte nella coltivazione amatoriale delle orchidee.

Quando? 
Le orchidee dovrebbero essere annaffiate solo quando cominciano a seccare. Questa regola vale per tutte le orchidee con lievi variazioni a seconda che la specie abbia una maggiore o minore capacità di immagazzinare acqua. Orchidee quali Cattleya e Oncidium dovrebbero asciugare completamente tra un'annaffiatura e l'altra, mentre orchidee come Phalaenopsis e Paphiopedilum, che non hanno organi di riserva d'acqua, devono essere innaffiate prima di diventare secche.

Non c'è una formula magica per la frequenza di innaffiature. Questo perché il luogo di coltivazione è sempre diverso. I livelli di temperatura, umidità, movimento dell'aria, mix di invasatura (tipo ed età), e la luce giocano ognuno un ruolo. Ci sono diversi modi per determinare quando un’orchidea in vaso è quasi asciutta: 1) la superficie del mix di invasatura appare secca, quando il mix di invasatura è sfagno/muschio; 2) vasi secchi sono più leggeri. Dopo un paio di cicli di irrigazione, si sarà in grado di capire dal peso del vaso se sia o meno tempo di innaffiare di nuovo. In caso di dubbio, aspettare un giorno. 3) un bastoncino di legno inserito nel mix di invasatura uscirà quasi asciutto. 

Un mix di corteccia si asciuga più velocemente di un mix di invasatura di sfagno o muschio.

È meglio innaffiare la pianta al mattino per dare all'umidità il tempo di asciugare le foglie durante il giorno. Se dell'acqua rimane nel punto dove le foglie si uniscono al centro, usare un tovagliolo di carta per asciugare la acqua per evitare marciumi.

Dovreste innaffiare più spesso quando le temperature sono calde e diminuire le irrigazioni quando le temperature sono fresche. 

Come? 
Quando le orchidee vanno innaffiate, dovrebbero essere annaffiate abbondantemente. Inserire le orchidee nel lavandino e lasciare che l'acqua scorra liberamente dai fori di drenaggio per circa un minuto e poi lasciare l’eccesso di acqua si scarichi completamente (nel sottovaso non deve rimanere acqua stagnante). Evitare di inzuppare le piante per immersione (questa pratica causa molto facilmente malattie). Meglio due brevi annaffiature a pochi minuti di distanza se non si è certi di aver bagnato bene. Radici che sono completamente sature d’acqua avranno un colore uniforme, mentre quelle che non lo sono, appariranno screziate.

Foto © irishorchidsociety.org

Un quadrato di giardino
    • Vivaio Piante Insolite

      Località Due Case
      Podenzano, 29027, PC (IT)
      Lun - Sab: 8.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00
      Dom: Periodo autunno-inverno solo su appuntamento.
      Aperto fuori orario su appuntamento.
      telefono +393284181208
      email info@unquadratodigiardino.it

      Seguici

    • Newsletter

      Resta sempre aggiornato sulle novità dal mondo di Un quadrato di giardino.it